Frittelle di finocchietto selvatico

 Il post originale (per capirci qualcosa in più. Forse) lo trovi cliccando qui >>>

incredienti pi quattru cristiani suno. Ginguegento grammi di finocchiettu rizzu selvaticu pigghiatu na …ah no. Ricomincio.

Ingredienti per 4 persone:  500 g di finocchio selvatico, 200 g di farina, 2 uova, Olio d’oliva per friggere, Acqua ghiacciata, sale, pecorino siculo (dlen dlen dlen. L’alternativa del parmigiano grattugiato è validissima)

Preparazione: Pulizziari u finocchiu … (dannazione!) Pulire il finocchio selvatico per bene dopo averlo privato delle parti dure che non occorreranno alla preparazione (ca non sevvunu a nenti )! Tritare finemente il tutto elessare in acqua bollente salata ma per davvero pochissimi minuti (due al massimo). Dopo averlo lasciato raffreddare in una ciotola sistemarlo e aggiungere le uova, la farina, poca acqua ghiacciata e amalgamare tutto fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo. La scelta del pecorino(uora accuminciamu ca non s’attrova nei supemmeccati del continente) o del parmigiano è chiaramente soggettiva. In Sicilia si preferisce di norma (no. Non c’entra la Ricotta Salata. Bene, la smetto) usare il pecorino sicilianoovviamente ma anche con il parmigiano vanno giù una meraviglia.

Dopo aver messo a riscaldare l’olio extra vergine d’oliva in padella prendere cucchiaiate (si po’ pigghiare a cucchiaiati macari u maritu eh! ) del composto e friggere per bene i due lati fin quando non appariranno leggermente dorate. Raccoglierle con una paletta forata e metterle su un piatto precedentemente ricoperto di carta assorbente affinchè l’olio in eccesso venga catturato (ma comu parra chista? ). Salare in superficie e servire caldissime. Abbondante pure il sale. Crepi la ritenzione idrica, maledizione! Ammetto inoltre che: fredde fanno comunque una bellissima figura comunque. Molti amano condire questefamosissime frittelle sicule inside con i pinoli, aggiungendoli nell’impasto(n’accuminciamo a impracchiari ah!). La ricetta originale non prevede questa variazione ma è pur vero che il sapore ricorda vagamente la famosissima pasta con le sarde e quindi sembra lecito asserire che sì. Qualora piacessero i pinoli, vanno benissimo anche quelli. Purchè tagliati anche grossolanamente.

Se colti dalla mania“io con lo spago ormai avvolgo pure il mandarino, la suocera, i passanti e conigli” andate tranquilli. Perchè la presentazione spagosa è bella assai ( adoro il mio modo di enunciare in maniera professionale la mise en place. Cosa c’entri la mise en place non lo so ma un termine francese a caso dovevo metterlo).

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Frittura, Idea Velocissima, Ricette della Tradizione, Sicilia, Stuzzichino, Vegetariano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...